Equine Sport Message

Equine Sport Massage - Massaggiatrice Sportiva per Cavalli

La massoterapia aiuta il cavallo ad utilizzare al meglio il proprio potenziale atletico e migliorare la propria performance.

 

In questo modo andiamo a trattare tutto l'apparato muscolo-scheletrico, esercitando una manipolazione muscolare e tendineo su tutto il corpo del cavallo, abbinata alla manipolazione (stretching) che tratta la parte scheletrica-articolare.

 

Il nostro lavoro è importante perché va a svolgere una funzione preventiva nei confronti di quasi tutte le problematiche di movimento del cavallo e anche una ginnastica passiva (mobilizzazione passiva e attiva); quest'ultima utile per esempio ai cavalli che durante il periodo di convalescenza sono costretti a rimanere più a lungo nel box.

 

Questa terapia rende il cavallo più sciolto e più elastico, non solo dal punto di vista muscolare ma anche articolare e tendineo. Inoltre si svilupperà mentalmente, rendendolo più sereno e più rilassato. Infatti un cavallo che si muove senza dolore è più rilassato ma soprattutto collaborativo e la sua gestione diventa più semplice. Vi rendiamo quindi attenti che tanti problemi comportamentali sono nel 90% dei casi riconducibili al dolore fisico.

 

I cavalli devono essere lucidi, avere tessuti elastici, morbidi e con potenza, insomma devono avere atleticità per cercare di evitare lesioni o stiramenti.

 

Lo stretching è un sistema estremamente efficace per mantenere i cavalli atletici e per garantire la salute articolare bisogna mantenere una piena funzionalità e trofia muscolare. Con il nostro lavoro possiamo inoltre lavorare sul trofismo muscolare e quindi mantenere una libertà di movimento articolare.

 

Il cavallo più sano sta anche meglio = benessere.

 

Per quanto concerne i cavalli in agonismo, se il cavallo ha una buona condizione, le gare non diventano penalizzanti. Con questo tipo di lavoro, durante questo periodo/momento di sforzo maggiore, il cavallo recupera più rapidamente. Non ci saranno problemi di affaticamento e il giorno dopo è più fresco. Invece di fare fatica nei periodi di competizione, i cavalli è come se stessero facendo allenamento senza accorgersene (chiaramente sto parlando soprattutto a livello fisico anche se aiuta a migliorare a livello emotivo).

 

Benefici della MOBILIZZAZIONE (Stretching)

 

· rilassamento

 

· riduzione della tensione e rigidità muscolare

 

· aumento di circolazione sia del sangue che del liquido linfatico

 

· aumento dell'elasticità dei muscoli, tendini e legamenti

 

· aumento delle flessibilità dell'ampiezza di movimento delle articolazioni

 

· miglioramento della coordinazione

 

· riduzione di possibili danni muscolari e legamenti

 

· riflessi migliori

 

Infatti va ricordato che sono i muscoli che fanno muovere le ossa del cavallo (scheletro) e che la massa muscolare è formata dal 60% del peso corporeo.

 

La mobilizzazione fa da prevenzione e correzione ai "problemi di sforzo" e consente al cavallo di far uso delle proprie risorse.

 

 

Benefici della MANIPOLAZIONE

 

· migliorare la circolazione e dilatare i vasi sanguigni

 

· alimentare il numero di globuli rossi

 

· stimolare la circolazione linfatica

 

· favorire l'eliminazione delle tossine

 

· risolvere i crampi muscolari

 

· allievare la tensione nervosa (stimolando la produzione di endorfine)

 

· aumentare il nutrimento dei tessuti promovendo la circolazione generale

 

· aumentare l'eliminazione (attraverso i reni) di fluidi, fosforo inorganico e prodotto di scarto del metabolismo proteico

 

· allungare il tessuto connettivo (migliora la sua circolazione e nutrimento in modo da risolvere o prevenire la formazione di aderenze e riduce il pericolo di fibrosi)

 

· aumentando l'irrorazione sanguigna, il nutrimento e l'ossigenazione dei muscoli senza l'aggiunta del carico di acido lattico che si produce mediante la loro contrazione volontaria

 

· migliorare la circolazione e il nutrimento delle articolazioni e delle giunture

 

· aiutare a diminuire l'infiammazione e gonfiore nelle articolazioni in modo da alleviare il dolore

 

 

In breve vi spieghiamo alcuni passi importanti riguardo all'anatomia e fisiologia del cavallo e come va ad agire in modo benefico il lavoro da massaggiatrice sportiva.

 

I muscoli sono più o meno 650-700 e sono costruiti da tantissime fibre muscolari unicellulari che non possono aumentare di numero dopo la nascita però possono svilupparsi in volume e potenza. Le fibre muscolari sono avvolte in un'unica fascia la quale è anche importante perché va a nutrire il muscolo e quindi da forza al muscolo.

 

I muscoli sono destinati a eseguire il lavoro vero e proprio grazie alla contrazione e al rilasciamento e per compiere questo lavoro bruciano un carburante chiamato ATP (adenosintrifosfato) che essendo in quantità limitata, dev'essere continuamente risintetizzato; prodotto dall'organismo. Esso è la sintesi di tutto quello che il cavallo mangia. E' il prodotto di una complessa serie di reazioni chimiche che vengono prodotte sulle altre molecole come per esempio gli zuccheri, le proteine e i grassi. Le strade per la formazione dell'ATP sono essenzialmente tre e si chiamano sistemi energetici. Invece la contrazione del muscolo dipende dall'energia fornita da una sostanza chiamata glicogeno (Ossigeno + Glucosio).

 

La contrazione può essere di 3 tipi che non vado a spiegarvi troppo in dettaglio.

 

Molto importante è capire anche il meccanismo di questi muscoli e come vengono utilizzati dal cavallo e cosa succede:

 

Come detto in precedenza le fibre possono variare la consistenza e quindi la loro funzionalità ma non la quantità e in questo modo abbiamo però due tipologie molto particolari che bisogna fare attenzione:

 

Atrofia: in seguito a malattie, incidenti e mancanza di lavoro il muscolo perde la sua funzionalità. Il cavallo non usa più quella parte o quel muscolo nella sua interezza. Abbiamo quindi un'atrofizzazione per mancanza di lavoro. Al contrario invece abbiamo un'atrofia per iper-lavoro: l'acido lattico prodotto incolla le fibre muscolari tra di loro non facendo più passare l'ossigeno e quindi non vengono più nutrite correttamente. Abbiamo quindi il rischio di strappi muscolari perché il muscolo diventa rigido, perde di tono e si atrofizza.

 

Ipertrofia: le fibre esistenti possono aumentare di volume e così aumenta pure il fabbisogno di nutrimento di queste fibre allargante. A questo punto è quindi importante un maggiore riscaldamento pre-lavoro e un maggior raffreddamento post-lavoro per il riutilizzo dell'acido lattico e la sua metabolizzazione, come nutriente.

 

Dopo questa breve e sintetica spiegazione vi illustro gli aspetti principali per cui il lavoro da massaggiatrice sportiva va ad aiutare e influire al benessere del cavallo.

 

Effettuando alcuni movimenti precisi del massaggio, andiamo a separare le fibre muscolari risolvendo quindi restrizioni e aderenze e consentendo così al sangue di scorrere liberamente nel muscolo portando con sé ossigeno e tutte le sostanze nutritive e asportando tutti i residui tossici.

 

A seconda del lavoro che fa il cavallo l'acido lattico che viene prodotto può essere riutilizzato e per questo motivo si consiglia sempre che il cavallo venga fatto camminare per consentire una percentuale di riutilizzo in modo che, essendo colloso non vada ad incollare le fibre tra di loro rischiando rigidità e strappi muscolari. Purtroppo però la pulizia totale non avviene mai in realtà e per questo motivo serve il massaggiatore che va ad aiutare ulteriormente in quanto é non ci sono altri rimedi per eliminarlo del tutto.

 

A questo punto si può capire come anche l'alimentazione è molto importante per l'equilibrio e la salute delle fibre muscolari. Se s'ingolfano i muscoli e il fegato avremmo cavalli anemici perché non riescono ad utilizzare ed assorbire quello che mangiano. Se hanno il fegato e i reni completamenti ingolfati, tutto il sistema è sporco e non riesce neanche a trattenere quello che mangia perché i filtri non funzionano. Avranno una muscolatura rigida e i glutei che fanno sempre male anche dopo un continuo lavoro leggero. Questo a causa di un'alimentazione con troppo carboidrati quindi bisogna davvero stare molto attenti.

 

Per maggiori informazioni e consigli al riguardo, siamo volentieri a disposizione ma soprattutto vogliamo aiutare e mantenere la salute dei cavalli.

 

Vi ricordiamo che il lavoro di massoterapista non sostituisce in alcun modo il veterinario, fisioterapista ecc. Il nostro lavoro serve a quanto spiegato sopra. Infatti si lavoro molto bene invece in collaborazione con il veterinario , maniscalco e l'istruttore. Questa sinergia, se rispettata, è molto vincente per il benessere dell'animale.

 

Opportuno sarebbe di aver fatto degli esami del sangue prima di portare un cavallo in terapia. Per questo motivo il veterinario ha un ruolo molto importante con il lavoro del massoterapista oltre il fatto che quest'ultimo non risolve i problemi strettamente legati a questioni mediche/veterinarie.

 

Vi ringraziamo per darci la possibilità di prenderci cura dei vostri animali e auguriamo tanta felicità nel mondo equestre.

CLB Horses Sagl

Negozio & Scuderie

 

Negozio a Contone

Via Canonale 29 (vicino Cowboy bar)

 

Scuderia a Gudo

Piazzetta Sta Maria 4

 

Scuderia a Cama

Via Ogreda 98

Orari d'apertura Negozio

 

lunedì chiuso

 

ma-me-ve 12:00 - 19:00

 

giovedì 13:00 - 19:00

 

sabato 10:00 - 16:00

© Copyright. All Rights Reserved.

Rimani in contatto

 

Via Ogreda 98, 6557 Cama

Email: info@clbhorses.com

Telefono: +4179 453 29 30

Telefono: +4176 224 10 95